Terzaetà su facebook

ELENCO DEI SERVIZI ASSISTENZIALI
REGIONE ABRUZZO

 

I servizi più importanti forniti per gli anziani ed i disabili sono le Strutture Residenziali e l'Assistenza Domiciliare Integrata

Le strutture residenziali più importanti, esistenti sul territorio regionale per l'assistenza agli anziani e  ai disabili, sono le Residenze Sanitarie Assistenziali (R.S.A.) e i Centri Residenziali (C.R.).

Le R.S.A. sono strutture extraospedaliere, gestite da soggetti pubblici o privati, finalizzate a fornire accoglimento, prestazioni sanitarie, assistenziali e di recupero funzionale e sociale, nonché di prevenzione dell'aggravamento del danno funzionale per patologie croniche nei confronti di persone ultrasessantacinquenni non autosufficienti e di soggetti disabili non autosufficienti, non assistibili a domicilio, richiedenti trattamenti continui, e che non necessitano di ricovero in strutture di tipo ospedaliero o nei centri di riabilitazione di cui all'art. 26 della legge 23.12.1978, n. 833.

Per accedere alle R.S.A.,  occorre, preliminarmente, la richiesta del medico di famiglia o dello specialista ospedaliero, nel caso in cui il paziente sia ricoverato presso l'ospedale; successivamente, la valutazione dell'Unità Valutativa Geriatria territoriale determinerà il piano di assistenza e la durata del ricovero. La retta è a carico del S.S.R. per quanto attiene le prestazioni sanitarie, mentre sono  a carico del paziente le prestazioni alberghiere.

Per le R.S.A., autorizzate e accreditate a carico del S.S.R., si possono consultare gli elenchi nelle Info.

I Centri Residenziali sono strutture residenziali a lunga permanenza che erogano prestazioni sanitarie a rilevanza sociale caratterizzate da una minore intensità terapeutica, rispetto alle R.S.A.

Per accedere ai C.R. occorre la richiesta del medico curante. La retta è a carico del S.S.R. per quanto attiene le prestazioni sanitarie, mentre sono a carico del paziente le prestazioni alberghiere.

 

Normative di riferimento

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino