Terzaetà su facebook

ELENCO DEI SERVIZI ASSISTENZIALI
REGIONE PIEMONTE

 

I servizi rivolti agli anziani previsti dalla Regione Piemonte sono i seguenti:


Cure domiciliari


Le Cure Domiciliari vengono definite come “una modalità di assistenza sanitaria e sociale erogata a domicilio del paziente in modo continuo ed integrato, al fine di fornire cure appropriate, da parte del medico di famiglia e di altri operatori ( medici, infermieri, terapisti della riabilitazione, operatori sociali) dei servizi territoriali ed ospedalieri e delle associazioni di volontariato, secondo le necessità rilevate.

Letti di sollievo


Per ricoveri di sollievo si intendono ricoveri temporanei presso strutture residenziali previsti per garantire un periodo di riposo alle famiglie che scelgono di assistere l´anziano a casa e di non ricorrere al ricovero definitivo, oppure che improvvisamente non possono provvedere all´assistenza per motivi di salute o altri motivi contingenti.


Servizio civico volontario delle persone anziane


Ai sensi dell’art.13 della L.R. 1/2004, è’ stato approvato con D.G.R. n. 16-14595 del 24 gennaio 2005 un bando destinato ai Comuni piemontesi per l’avvio a livello sperimentale di progetti di servizio civico volontario delle persone anziane, al fine di riconoscere e valorizzare la loro partecipazione alla vita sociale, civile e culturale della comunità nella quale vivono.
Il servizio civico delle persone anziane risponde all’esigenza soggettiva dell’anziano di ricoprire un ruolo ancora attivo, personalmente significativo, che consenta l’espressione delle proprie potenzialità individuali, basato sull’etica della cittadinanza attiva e della responsabilità verso l’altro,
Il servizio civico delle persone anziane persegue, pertanto, il duplice obiettivo di stimolare gli anziani a sviluppare una più ricca vita di relazione, esaltando la dignità e il valore della loro attività, e di utilizzare la loro esperienza per rispondere sia a bisogni tradizionali, sia a quelli derivanti dalla nuova complessità sociale e a quelli a cui non possono rispondere i servizi istituzionali impegnati nel far fronte alle esigenze prioritarie e specifiche.


Interventi a sostegno delle famiglie nel cui nucleo sono presenti anziani non autosufficienti


Poiché il numero dei soggetti anziani è in costante aumento e la condizione di non autosufficienza si manifesta con diversi gradi di intensità e diverse esigenze di assistenza, e, in particolare, sono sempre in maggior numero le famiglie nel cui nucleo vi è la presenza di un anziano non autosufficiente bisognoso di assistenza continuativa, 5 sono state stanziate risorse con l’intento di dare una risposta adeguata ai bisogni dei soggetti anziani e delle famiglie che li assistono a domicilio.
I soggetti beneficiari delle risorse sono gli Enti Gestori delle funzioni socio-assistenziali che dovranno utilizzare l’importo assegnato a sostegno delle famiglie nel cui nucleo siano comprese una o più persone anziane titolari di assegno di accompagnamento, totalmente immobili, costrette a letto e bisognose di assistenza continuativa, di cui le stesse famiglie si fanno carico.


Interventi socio-sanitari a sostegno di anziani non autosufficienti


Sono state assegnate ai Soggetti gestori delle funzioni socio-assistenziali risorse al fine di dare una risposta socio-sanitaria adeguata ai bisogni dei soggetti anziani non autosufficienti.
E’ stata prevista l’attivazione di servizi diversificati in base alle singole situazioni degli anziani, quali interventi economici a sostegno della domiciliarità, cure domiciliari in lungoassistenza, letti di sollievo, ricoveri in strutture residenziali e semiresidenziali.

 

Normativa di riferimento

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino