Terzaetà su facebook

ELENCO DEI SERVIZI ASSISTENZIALI
REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE

 

I servizi rivolti alle persone anziane previsti dalla Regione Trentino Alto Adige sono:


1. Abo 60+ - abbonamentyo annuale per anziani over 60-


Descrizione generale
L’abbonamento annuale è un titolo di viaggio nominativo personale che autorizza le persone che hanno compiuto i 60 anni d’etá, per la durata di un anno dalla data di rilascio, all’utilizzo di tutti i mezzi pubblici di linea del sistema di trasporto provinciale integrato ad esclusione dei treni sulla tratta Brennero– Innsbruck.

Presupposti d'accesso
Possono richiedere il rilascio dell’Abo 60+ le persone residenti in Alto Adige, che hanno compiuto i 60 anni d’etá.vo


2. Accreditamento dei servizi residenziali per anziani (case di riposo e centri di degenza)


Descrizione generale.
La Provincia accredita, ai sensi della normativa provinciale vigente, le strutture residenziali per anziani (case di riposo - centri di degenza), gestiti dagli enti gestori dei servizi sociali.
Con Deliberazione della Giunta Provinciale 7 settembre 2009, n. 2251, sono stati approvati i criteri per l’accreditamento dei servizi residenziali per anziani. Coloro che gestiscono o desiderano aprire case di riposo – centri di degenza dovranno richiederne l’accreditamento alla Ripartizione provinciale Famiglia e politiche sociali. I criteri di accreditamento, elaborati in accordo con l’Azienda sanitaria, il Consorzio dei Comuni e l’Associazione delle case di riposo, garantiranno anche in futuro gli standard qualitativi delle case di riposo – centri di degenza. Sono stati ad esempio fissati il numero minimo e massimo dei posti letto disponibili che potrà variare tra le 40 e le 120 unità, il numero dei dipendenti, la carta dei servizi, gli orari d’apertura, il tipo di gestione, etc.

Presupposti d'accesso
Persone anziane non autosufficienti che vivono a casa e che per un periodo transitorio (ad es. per malattia, per vacanza, per alleviare i familiari che normalmente si occupano di loro) non possono essere assistiti.


3. Amministratore di sostegno


Descrizione generale
La figura dell'amministratore di sostegno è stata introdotta per le persone prive in tutto o in parte di autonomia. Si mira ad assicurare la necessaria assistenza in tutte quelle situazioni che non giustificano il ricorso all'interdizione o all'inabilitazione.

Presupposti d'accesso
L'amministratore di sostegno può essere nominato per una persona, che per effetto di una infermitá ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nell'impossiblità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi.

4. Appello nell'ambito delle misure per il sostegno della non autosufficienza


Descrizione generale
La commissione è nominata dalla Giunta provinciale. È costituita da un medico, un/a infermiere/a ed un operatore/un’operatrice sociale ed ha la propria sede presso il Servizio per la valutazione della non autosufficienza.
Se la persona non autosufficiente o il suo/la sua rappresentante legale ritengono che la valutazione effettuata non sia corretta, hanno la possibilità di presentare ricorso alla Commissione d'appello. La Commissione valuta l'intera documentazione trasmessa, e sente il team di valutazione competente. Per raccogliere ulteriori informazioni sul caso la Commissione può inoltre mettersi in contatto con il medico di base della persona non autosufficiente o con altri/e esperti/e, può sentire una persona di fiducia dell’interessato/a oppure può effettuare una visita al domicilio della persona non autosufficiente.

Presupposti d'accesso
Il ricorso può essere presentato solamente dalla persona non autosufficiente, da un suo rappresentante legale oppure da un terzo delegato dalla persona non autosufficiente (p.es. Patronato)

 

5. Assegno di cura

Descrizione generale
L’assegno di cura viene erogato da luglio 2008 a coloro che vivono a casa o in strutture residenziali o per persone con handicap. Anche persone non autosufficienti che si trovano in case di riposo o di cura ricevono ogni mese l’assegno di cura in base al livello stabilito dalla valutazione. Ai sensi della Legge sulla non autosufficienza, l’assegno di cura è destinato esclusivamente: • al pagamento di prestazioni assistenziali e di cura; • alla parziale copertura dei costi per i fondi pensionistici di parenti curanti; • per consentire l’attuazione di misure per la “vita indipendente”; • alla compartecipazione alle tariffe dell’assistenza domiciliare presso servizi accreditati e per l’utilizzo di strutture semiresidenziali e residenziali. L’assegno di cura viene erogato indipendentemente dal reddito e dal patrimonio della persona non autosufficiente. L’assegno di cura è suddiviso in 4 livelli assistenziali


6. Assistenza diurna agli anziani


Descrizione generale
Comunitá comprensoriali
I servizi dell’assistenza diurna per anziani offrono accoglienza di giorno a persone anziane che, per motivi psichici o fisici, non sono in grado di rimanere da sole presso il proprio domicilio e necessitano di assistenza.
L'assistenza domiciliare fornisce attività di consulenza, prevenzione e assistenza, caratterizzate dalla complementarietà e sussidiarietà, presso il domicilio della persona ed in centri diurni.


7. Assistenza economica e sociale


Descrizione generale
Comunitá comprensoriali
L’assistenza economica sociale è una competenza dei distretti sociali. Alle famiglie ed alle persone singole che dispongono di un reddito insufficiente è concesso un aiuto finanziario.


8. Buono servizio per assistenza domiciliare

Descrizione generale
Nell’ambito degli interventi per la non autosufficienza in alcuni casi esiste la possibilità di prescrivere dei buoni di servizio.

 

9. Casa Contributi per il superamento delle barriere architettoniche


Descrizione generale
Uno degli obbiettivi delle agevolazioni edilizie della Provincia Autonoma di Bolzano è di consentire alle persone disabili con deficit funzionali permanenti, di adeguare la propria abitazione alle loro esigenze specifiche.


10. Casa Interventi di emergenza per gravi casi sociali


Descrizione generale

  1. NOVITA' Le modifiche della legge provinciale 17 dicembre 1998 n. 13 “Ordinamento dell’edilizia abitativa agevolata” del 22 gennaio 2010,

11. Case di riposo e centri di degenza - Informazioni


Descrizione generale
Le 75 case di riposo - centri di degenza dell'Alto Adige (Elenco case riposo-centri degenza) dispongono di circa 4.020 posti letto in totale .


12. Contributi Ufficio Anziani e distretti sociali per spese correnti ed investimenti vari ad enti pubblici, associazioni, cooperative ed altri enti


Descrizione generale
L'Ufficio Anziani e distretti sociali può concedere contributi ad enti pubblici o privati senza scopo di lucro che operano in Provincia di Bolzano e svolgono per statuto attività socio-assistenziali nel settore anziani.


13. Contributo per la copertura previdenziale dei periodi di cura ai familiari non autosufficienti


Descrizione generale

  1. Si tratta di un contributo che viene erogato a coloro che effettuano versamenti previdenziali volontari, anche presso un fondo di previdenza complementare, a copertura di periodi di astensione dal lavoro dedicati all'assistenza domiciliare di familiari gravemente non autosufficienti

14. Finanziamento di alloggi per anziani - Finanziamento di strutture per l'assistenza anziani


Descrizione generale
Viene effettuata una rielaborazione della base normativa


15. Interventi per la non autosufficienza


Descrizione generale
All’inizio del 2008 è entrata in vigore la Legge Provinciale n. 9 del 12 ottobre 2007 “Interventi per la non autosufficienza.


16. La valutazione dello stato di non autosufficienza


La valutazione della non autosufficienza è il provvedimento utilizzato per stabilire il livello di fabbisogno assistenziale di una persona.


17. Mensa per anziani


Descrizione generale
Nelle grandi località dell'Alto Adige sono insediate delle mense per anziani, gestite da enti pubblici o da enti privati convenzionati.


18. Pasti a domicilio


Descrizione generale

  1. Nell'ambito dell'offerta dell'assistenza domiciliare vi é anche la consegna di un pasto caldo a mezzogiorno presso il domicilio delle persone anziane con disabilità o che semplicemente non sono in grado di cucinare autonomamente.

19. Pensione per persone casalinghe


Descrizione generale

La pensione di vecchiaia per persone casalinghe è pensata prevalentemente per casalinghe che non hanno maturato il diritto ad una pensione di vecchiaia in base alla contribuzione obbligatoria.


20. Pronto assistenza - 848 800277


Descrizione generale
Il Pronto Assistenza è uno strumento fondamentale per ricevere delle informazioni sulla non autosufficienza.


21. Ricorso per mancata concessione di ausilio protesico


Descrizione generale
In caso di mancata concessione di un ausilio protesico da parte dell'Ufficio invalidi del Comprensorio sanitario dell'Azienda Sanitaria di appartenenza per residenza dell'assistito, la persona interessata può inoltrare ricorso.


22. Servizio di telesoccorso e telecontrollo


Descrizione generale
Alle persone ultrasessantacinquenni, che abitano da sole e alle persone che per altre cause, attestate dal competente distretto sociale, necessitano del servizio, è concessa una prestazione mensile per il servizio di telesoccorso e telecontrollo.


23. Sezione Ricorsi della Consulta provinciale dell'assistenza sociale


Descrizione generale
Contro le decisioni relative agli interventi di assistenza economica sociale ed al pagamento delle tariffe nei servizi sociali, prese dal competente distretto sociale, il cittadino può presentare ricorso.


24. Spese di trasporto pubblico per anziani


Descrizione generale

  1. Alle persone ultra60enni residenti in provincia, è concesso un rimborso per spese di trasporto pubblico.

.

25. Telefono per anziani


Descrizione generale

  1. Alle persone ultrasessantacinquenni che non possiedono un apparecchio telefonico e che abitano da sole o col coniuge o col partner, viene erogato un contributo per l'acquisto, l'installazione e l'attivazione del telefono.

.

26.Vincolo sociale - Locazione parziale dell’alloggio agevolato a studenti, apprendisti, lavoratori ed anziani

Descrizione generale

  1. Per poter locare parzialmente un'abitazione gravata dal vincolo sociale, è necessaria un'autorizzazione. Quest'ultima viene richiesta dal beneficiario dell'agevolazione e rilasciata dal Direttore di Ripartizione.

.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino