Terzaetà su facebook

Nonnina ottantenne al posto di blocco:
" Cos'è la patente?"


Nonnina ottantenne al posto di blocco: -Cos'è la patente?-

“...favorisca patente e libretto di circolazione, prego...”. Come sia venuto in mente agli agenti della polizia municipale di Treviso, fine settimana di Ferragosto, di fermare Nonna Abelarda non si sa.
La faccia non era sospetta, l'età forse, ma con tutti i pirati, corsari e filibustieri che violentano le strade proprio la più innocua delle viaggiatrici vuoi andare a fermare? “...signora, le ripeto: favorisca patente e libretto di circolazione...”. La risposta della signora Francesca, alias Nonna Abelarda, pensionata quasi ottantenne, è stata degna di Mister Magoo: “Patente? Cosa sarebbe una patente...”.
Che fare? Sorridere? La macchina, un'utilitaria bianca, ferma lungo la circonvallazione di Treviso, due vigili in piedi a grattarsi la nuca e una scena che sarebbe piaciuta ad Achille Campanile: “Guido l'automobile da più di cinquant'anni e non mi è mai servita. Cosa volete che me ne faccia della patente..?!.”.
Ha mostrato una carta stropicciata datata 1958 che avrebbe dovuto dimostrare come 55 anni fa avesse seguito un corso di guida e tanta bastava. Mai fermata in più di mezzo secolo tranne quando meno avrebbe dovuto dare nell'occhio.
Pare sia normale da quelle parti: un altro tipo, quasi settantenne, vicentino, è stato beccato sempre dopo 55 anni, un altro, settant'anni suonati, di Castelfranco Veneto, ha schivato tutti i controlli, compresi quelli telematici, per 44 anni. La macchina è stata sequestrata, rischia una multa che arriva a 9mila euro, bene che vada le toccherà fare la patente sul serio, rispondere a 7mila domande.
Per aver rispettato i limiti di velocità ma non i raggiunti limiti di età a Nonna Abelarda toccherà adesso portar via in bici o a piedi il tempo andato e le stagioni svanite. Un'inutile crudeltà per chi in 55 anni non ha mai fatto nemmeno un tamponamento.
Ma come scriveva Phlip Roth: “La vecchiaia è una cosa immaginabile solo per chi diventa vecchio”.

Fonte: Il Giornale

Rubrica Viaggiamo

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino