Terzaetà su facebook

Anziani e assistenza: no alla badante ‘smartphone dipendente’, bandite le urlatrici e le giovani troppo avvenenti
Il vademecum per scegliere la badante ideale


Torna a Terza Età News Terza Età News


Anziani e assistenza: no alla badante ‘smartphone dipendente’, bandite le urlatrici e le giovani troppo avvenenti

Grazie ai progressi della medicina e della ricerca, la popolazione mondiale di età superiore ai 60 anni raddoppierà entro il 2050, passando dai 900 milioni di individui di oggi a quasi 2 miliardi, e supererà il numero dei bambini di età inferiore a 5 anni entro il 2020. È quanto emerge dall’ultimo Rapporto sull'Invecchiamento e la Salute dell'Organizzazione Mondiale della Sanità  Secondo le stime dell'Oms, a livello globale, la popolazione aumenta a ritmi sempre più veloci: oggi, per la prima volta nella storia, la maggior parte delle persone raggiungono e superano i 60 anni, mentre 125 milioni di persone nel mondo raggiungono gli 80. L'Italia, grazie ad alcuni dei fattori che hanno contribuito a raggiungere un'alta qualità della vita- dall'accessibilità universale delle cure, all'alto livello del sistema sanitario tra cui anche i risultati raggiunti nella salute materno-infantile - si attesta al secondo posto per popolazione più anziana al mondo: il 21,4% dei cittadini è over 65 e il 6,4% è over 80, seconda solo al Giappone, e medaglia d'oro d'Europa, seguita da Germania e Portogallo.
In Italia sono 2 milioni gli anziani ad aver bisogno di una badante, per una spesa media annua di 14mila euro in Lombardia,fino ai circa 9.000 del Piemonte.“Ciò significa necessariamente che i sistemi sanitari dovranno sempre più adeguarsi alle esigenze degli anziani e che le famiglie avranno bisogno di sostegno per l’assistenza, ora quasi totalmente demandata alle donne, per lo più figlie, mogli o parenti (nel 92.9% dei casi)”, dichiara Francesco Lorenti, CEO e Founder di Progetto Famiglia Network, rete che conta 30 centri di assistenza in tutta Italia dedicati alla cura degli anziani, dei malati e dei disabili.
Ma quando ci si trova di fronte alla necessità di scegliere una persona che si prenda cura del proprio caro ammalato, quali sono i criteri di scelta?
Il colloquio per scegliere il o la badante è fondamentale per verificare i requisiti del candidato, il livello di empatia, la disponibilità e la motivazione – sostiene Lorenti– Chi necessita di un care giver di solito ha in mente un profilo ‘ideale’ e delle richieste ben precise”. Quali sono queste caratteristiche?
1.       Le competenze: la persona selezionata deve avere almeno un paio d’anni di esperienza nel settore e un attestato di un corso di formazione in area sociosanitaria (OSS, OSA). Fondamentale poi, ancor prima di verificare le referenze, è che tutti i documenti siano in regola e che se il candidato è straniero, sia in possesso di regolare permesso di soggiorno.
2.       Le referenze: chi sceglie una persona per badare ai propri cari si sente infinitamente più tranquillo se può verificare l’incarico svolto in precedenza e il livello di soddisfazione dei precedenti datori di lavoro
3.       “Un altro requisito da cui non si prescinde è la lingua – specifica Lorenti – La persona deve saper parlare l’italiano. In taluni casi mi è stato chiesto, un po’ ingenuamente, se fossi in grado di fornire badanti che capissero e parlassero il dialetto, poiché spesso l’anziano parla solo il dialetto locale”.
4.       La cucina è un aspetto ugualmente fondamentale: “Non mi è mai capitata una richiesta che escludesse questa capacità: la badante deve saper cucinare, così come deve essere in grado di assistere fisicamente e psicologicamente l’anziano, curarne l’igiene personale ecc.”, prosegue Lorenti.
5.       I tempi cambiano e neanche le badanti sono più quelle di una volta: “Le famiglie richiedono esplicitamente e sempre più spesso care givernon ‘smartphone – dipendenti’ – aggiunge Lorenti – Spesso la badante è straniera e passa molto del suo tempo sui social network per comunicare con parenti o amici lontani, ma questo tempo viene sottratto al malato o alla persona da assistere, che si sente di conseguenza abbandonata a se stesso”.
6.       Anche l’aspetto fisico ha una valenza, ma nel caso della scelta della badante avviene il contrario di ciò che ci si aspetterebbe: “Se la care giver è donna le famiglie spesso richiedono esplicitamente che non sia troppo avvenente. Vogliono evitare il rischio che l’anziano perda la testa e chieda alla badante di sposarlo, con conseguente perdita dell’eredità”.
7.       Infine c’è un aspetto a cui si inizia a dare maggiore importanza, evidentemente per alcune differenze di abitudini fra un popolo e l’altro. “Da qualche tempo mi viene richiesto che il/la badante non abbia un tono di voce troppo alto. Molti anziani infatti sono ‘scombussolati’ dalla modulazione molto squillante di alcuni care giver, di provenienza soprattutto dell’Est Europa o dall’Asia”.
A volte però l’istinto di chi sceglie conta più di un buon curriculum nella scelta della persona. Anche per chi cerca un care giver di professione.


Redazione Terzaeta.com
Rubrica Viaggiamo

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino