Terzaetà su facebook

Esodati, ricongiunzioni, contributivo e retributivo; il glossario della riforma pensionistica

Pensioni: sciopero anticipato al 13 aprileFatta la riforma, restano le zone d’ombre. Ed i possibili tentativi di schiarite, rischiano, a volte, di determinare equivoci, puntualizzazioni ed ulteriori tensioni nei rapporti tra le parti in causa.

In estrema sintesi, quanto descritto, costituisce una rappresentazione delle recenti dispute in materia pensionistica, quando, a seguito dell’entrata in vigore della riforma, ci si è accorti di importanti nodi che restano, ad oggi, ancora da sciogliere.

In particolare permangono sul tavolo del governo temi quali quello degli esodati e delle ricongiunzioni che sono alla base dello sciopero indetto da tutte le sigle sindacali per il prossimo 13 aprile ed hanno creato non pochi problemi nei rapporti tra ministri ed esponenti del governo in carica.

E’ di qualche ora fa infatti, la dichiarazione del sottosegretario al Ministero del Tesoro, Polillo, secondo il quale "se cambiano le condizioni che hanno legittimato quell'accordo (l’accordo tra aziende e lavoratori e relativo alla fuoriuscita di questi ultimi in relazione alla maturazione dei requisiti per l’ottenimento della pensione), secondo i principi generali dell'ordinamento giuridico, i lavoratori possono chiedere che quell'accordo sia nullo" specificando anche che il Governo non si opporrà all'abolizione della norma che obbliga gli esodati a non lavorare ed aprendo quindi uno spiraglio per la soluzione dei problemi di questi ultimi.

glossario


Tuttavia la precisazione in merito da parte del ministro Fornero è risultata tutt’altro che in linea con l’apertura di Polillo che è stato invitato a rendere disponibile la sua soluzione al problema , laddove disponesse di una buona ricetta.

Una chiara presa di distanza che suona quindi come una bocciatura dell’ipotesi paventata dal sottosegretario, poiché, con ogni evidenza, imporre alle aziende una riassunzione degli esodati, apparirebbe improbabile e difficoltosa.

Il problema tuttavia, resta in tutta la sua drammaticità e la sua complessità, anche perché rischia da un lato di compromettere l’efficacia di una riforma che resta fondata sul rinvio dei tempi di pensionamento, dall’altro, di ridurre in povertà oltre 300 mila persone, che vivono con la paura di non ritrovarsi senza pensione né stipendio per circa 5/6 anni.

Rispetto al dibattito in corso ed in attesa di un definitivo chiarimento sui temi oggetto di confronto politico, proponiamo di seguito un breve glossario che speriamo possa permettere anche ai meno preparati su  determinate questioni, di acquisire un po’ di confidenza con la materia pensionistica.

BREVE GLOSSARIO SUI TEMI PENSIONISTICI

dott. Salvatore Catorano
Articolo di Marzo 2012

Rubrica Viaggiamo

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino