Terzaetà su facebook

Alzheimer, scoperta una molecola che ringiovanisce il cervello e blocca la malattia


Torna a Terza Età News Terza Età News


Alzheimer, scoperta una molecola che ringiovanisce il cervello e blocca la malattia


Scoperta dai ricercatori della Fondazione EBRI 'Rita Levi-Montalcini' una molecola che ringiovanisce il cervello, favorendo la nascita di nuovi neuroni e contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia di Alzheimer.

Lo studio interamente italiano, coordinato da Antonino Cattaneo, Giovanni Meli e Raffaella Scardigli, è stato effettuato su topi che, così trattati, hanno ripreso a produrre neuroni a un livello quasi normale.
I ricercatori dell'Ebri hanno dunque scoperto che la nascita di nuovi neuroni nel cervello adulto (neurogenesi) diminuisce in una fase molto precoce della malattia di Alzheimer. Tale alterazione è causata dall'accumulo, nelle cellule staminali del cervello, di aggregati altamente tossici della proteina beta Amiloide, chiamati A-beta oligomeri. Il team è riuscito a neutralizzare gli A-beta oligomeri nel cervello di un topo malato di Alzheimer introducendo l'anticorpo A13 all'interno delle cellule staminali del cervello, riattivando la nascita di nuovi neuroni e ringiovanendo così il cervello. In particolare, gli studiosi hanno dimostrato come la strategia messa a punto nei laboratori dell'Ebri permetta di ristabilire la corretta neurogenesi nel modello di topo analizzato, recuperando per l'80% i difetti causati dalla patologia di Alzheimer nella fase iniziale.

Una strategia, secondo i ricercatori, che apre nuove possibilità di diagnosi e cura. Fermo restando che per i test sull'uomo "ci vorrà ancora qualche anno e bisognerà prima valutare gli esiti delle fasi pre-cliniche di sperimentazione".

Riuscire a monitorare la neurogenesi nella popolazione adulta offrirà in futuro un potenziale strumento diagnostico per segnalare l'insorgenza dell'Alzheimer in uno stadio ancora molto precoce, cioè quando la malattia è clinicamente pre-sintomatica. Inoltre - conclude il dott. Cattaneo - l'utilizzo terapeutico dell'anticorpo A13 permetterà di neutralizzare gli A-beta oligomeri dentro i neuroni, laddove si formano per la prima volta, colpendo così l'evento più precoce possibile nell'evoluzione della patologia”.

 

Redazione Terzaeta.com
Rubrica Viaggiamo

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino