Terzaetà su facebook

Artrosi

In passato  tutte le malattie reumatiche sembravano uguali. La scoperta di malattie ben definibili ha cambiato il quadro di riferimento differenziando le malattie  “Articolari Infiammatorie “ (artrite reumatoide, gotta, connettiviti , reumatismo articolare acuto, ecc.) dalle malattie a carattere “Degenerativo “ con componente infiammatoria collaterale, spesso poli segmentarie.

Definizione

L’artrosi è una malattia articolare che si manifesta con alterazioni regressive della cartilagine articolare, dei capi ossei articolari, della capsula articolare, della membrana sinoviale, dei muscoli e delle strutture tendinee periarticolari. Può avere una progressione lenta, oppure in alcuni casi, il peggioramento può essere più rapido.

Cenni di Epidemiologia

  • ne soffrono in Italia più di 4 milioni di persone;
  • è spesso una malattia invalidante;
  • colpisce l'80 % degli anziani ed il 20 % di persone in età lavorativa;
  • l'artrosi in  molte localizzazioni può essere prevenuta con modificazioni dei comportamenti individuali;
  • si possono identificare, in alcuni casi, cause genetiche;
  • numerose condizioni favoriscono la comparsa dell'artrosi (traumi, malattie metaboliche, malformazioni, obesità, mansioni lavorative, ecc)

Sintomatologia

Presenza di dolori  articolari  e/o peri-articolari, persistenti o ricorrenti che limitano il movimento. Presenza di  tumefazione articolare e /o di deformazione articolare.

Sedi colpite

Tutte le sedi potenzialmente possono essere colpite .
Articolazioni  maggiormente interessate: spalla, anca, ginocchio, colonna vertebrale, polso, caviglia e dita delle mani e dei piedi.

Diagnosi

Presenza  della sintomatologia  ed approfondimento strumentale  con tecniche non invasive quali l’esame radiologico tradizionale (radiografie), TAC, risonanza magnetica, esami di laboratorio.
Esiste spesso una divaricazione fra esami strumentali e stato effettivo del soggetto.
Fondamentale e' l'integrazione , tramite la consulenza dello specialista, dello stato sintomatologico e funzionale del paziente con i risultati degli esami strumentali effettuati,  per decidere la terapia più opportuna da intraprendere.

Il reumatologo , il fisiatra , l’ortopedico  ed il neurochirurgo  hanno  un ruolo fondamentale nel diagnosticare e suggerire un trattamento medico, fisico, chirurgico e riabilitativo della patologia in atto.

Cura dell'artrosi

La capacità dell'artrosi di turbare la vita della persona dipende molto dalla regione colpita.  Le articolazioni portanti come anca e ginocchio possono ostacolare il cammino, le alterazioni a livello delle mani possono alterare la destrezza.

Cura con farmaci antidolorifici  ed antinfiammatori  non steroidei assunti quotidianamente è necessaria solo in un numero limitato dei pazienti.
Farmaci  steroidei vanno usati sotto stretto controllo medico in casi selezionati e per periodi brevi.
Attenzione all’uso prolungato di questi tipi di farmaci in quanto potrebbe essere dannoso soprattutto per lo stomaco e la funzione dei reni.

 

In molti casi sono sufficienti provvedimenti diversi dai farmaci, come:

*  correzione degli stili di vita dei pazienti con particolare attenzione al peso  
corporeo;

*  progetti personalizzati di fisioterapia e compenso articolare anche con presenza di 
fisioterapista;

*  possibilità di uso di ausili atti al risparmio quotidiano delle articolazioni colpite;

*  esercizi di rinforzo e /o allungamento muscolare anche durante attività ricreativa;

*   fangobalneoterapia  termale;

*   elettroterapia, magnetoterapia , laserterapia , ecc.

Dott. Nerino Giacometti

Articolo aggiornato a Marzo 2011

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino