Terzaetà su facebook

Bronchite

La BRONCHITE e’ una malattia di tipo infiammatorio che colpisce le pareti dei bronchi, condotti che permettono il transito dell’aria da e verso i polmoni.
Le bronchiti vengono suddivise in bronchite acuta e bronchite cronica.

Bronchite acuta

È la forma di minore gravità, ha tempi di guarigione brevi, è generalmente causata da virus  spesso con sovrainfezioni batteriche che complicano il quadro , ma possono essere causate anche da esposizione  ad  agenti irritanti  (fumo  passivo, inquinamento atmosferico, detergenti) e a volte durante reflusso gastro - esofageo da materiale acido proveniente dallo stomaco tramite le vie aeree  alte.

Bronchite cronica

E’ una malattia seria, i bronchi sono interessati da stato infiammatorio per lunghi periodi (almeno 3 mesi all’anno per almeno 2 anni consecutivi).
Inizialmente sono interessate le vie aeree  alte, poi  anche i bronchi periferici più piccoli. Molti pazienti hanno  difficoltà respiratoria  anche in assenza di attività fisica.
Le cause  sono diverse: la principale è il fumo di sigaretta attivo e/o passivo, poi l’inquinamento atmosferico, polveri o gas tossici nei luoghi di lavoro, sistemi immunitari deboli, reflusso gastro – esofageo cronico.

Sintomi

Sono solitamente comuni sia nella forma acuta che nella forma cronica:

  • Tosse
  • Produzione di catarro
  • Difficoltà nella respirazione
  • Dolore di petto
  • Febbre e/o brividi
  • Astenia

Nelle forme croniche la tosse e la presenza del catarro (mattutino  particolarmente) è presente in maniera quasi costante nei periodi interessati.

Diagnosi

Esame obiettivo (auscultazione del torace) e ricerca dei sintomi, esami del sangue, esame del catarro, radiografia del torace, esami spirometrici (capacità polmonare).

Terapia delle bronchiti

  • Nelle forme acute si alleviano  i disturbi  del respiro con riposo  senza esposizione a correnti di aria  umida e/o fredda, assunzione di farmaci antitosse se questa è particolarmente disturbatrice (sonno) e/o antipiretici - antiinfiammatori se la temperatura assume valori maggiori di 38 / 38.5 °C.
    Soggiornare in ambienti salubri.
    Antibiotici (prescrizione solo dal medico) in caso di possibile sovrainfezione batterica.
  • Nelle forme croniche , la prima azione da intraprendere è quella  di modificare le abitudini di vita. Il primo passo è quello di smettere di fumare.

    Alcuni farmaci sono in grado di fluidificare il catarro e facilitarne l’espulsione.
    E’ fondamentale intraprendere un programma di riabilitazione  respiratoria  per aumentare la capacità ventilatoria e la resistenza fisica.

    Importante è non abolire a tutti i costi  la tosse (farmaci) per non compromettere la possibilità naturale all’espettorazione del catarro.

Complicanze delle bronchiti

Le forme Acute  se trattate adeguatamente  non destano preoccupazioni e guariscono in breve tempo. Alcuni soggetti (persone anziane, neonati, pazienti debilitati o con malattie croniche) possono sviluppare  sovrainfezioni batteriche  da trattare specificatamente.

Le forme croniche che hanno di base ispessimento della mucosa bronchiale e diminuzione della capacita ventilatoria, possono  arrivare ad un  quadro molto grave

di Bronchite Cronica Ostruttiva  che compromette la qualità di vita  fino ad un quadro di  ENFISEMA (sacche  di aria  nel polmone diventato rigido  nel suo complesso)
Dott. Nerino Giacometti

Articolo aggiornato a Marzo 2011

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino