Terzaetà su facebook

CPK


Esami del sangue



Che cos'è


La CPK (CK o Creatinfosfokinasi) è un enzima endocellulare contenuto prevalentemente nel tessuto muscolare scheletrico e cardiaco ed in minor quantità nel tessuto cerebrale.

A cosa serve


La creatinfosfochinasi catalizza lo scambio di fosfati tra la creatina e l'ATP e svolge un ruolo fondamentale nelle funzioni energetiche cellulari.

Valori molto elevati (5 o più volte i valori normali), possono indicare miopatie o infarto miocardico acuto. Valori elevati (da 2 a 4 volte i valori normali) indicano, invece, cardiopatie (angina grave, miocardite), miopatie, embolia polmonare, edema polmonare, ipotiroidismo, ipertermia maligna, infarto cerebrale, alcolismo, malattie infettive (tetano, tifo), febbre, sindrome di Reye.

Inoltre, anche l'esercizio fisico, iniezioni intramuscolari profonde, delirium tremens e interventi chirurgici possono elevare i livelli di CPK. Farmaci che possono produrre un incremento di CPK sono gli anticoagulanti, la morfina, l'alcool, alte dosi di salicilati, l'anfotericina B ed alcuni anestetici.

Come si svolge l'esame


È consigliabile eseguire il prelievo a digiuno da almeno 10-12 ore.

I risultati*


*È importante ricordare che i valori delle analisi cliniche possono essere assai diversi a seconda della metodica utilizzata.

Valori normali: 10-70 U.I./L.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino