Terzaetà su facebook

Antiginnastica


L’antiginnastica è una tecnica terapeutica che propone movimenti lenti e misurati del corpo, volti al riequilibrio muscolare, all’analisi ed alla cognizione corporea, interessando il soggetto nella sua globalità.

I movimenti dell’antiginnastica, creati da Thérèse Bertherat, si basano sui principi del metodo Mézières e sono destinati a farci prendere consapevolezza di una nuova situazione, il sentirsi bene. Si tratta di un lavoro cosciente su sé stessi, che permette di scoprire dove si celano le tensioni e di alleviarle tramite movimenti di estensione della muscolatura posteriore, in particolare delle catene cinetiche. Queste sono costituite da quei tessuti muscolari che noi generalmente usiamo nella posizione eretta, e che col tempo tendono ad accorciarsi, indurirsi e ad essere dolenti. Rilassando infatti i muscoli posteriori, automaticamente anche tutti gli altri recuperano la loro funzionalità, e la struttura del corpo diviene più armonica ed equilibrata. 

L’obiettivo del metodo non è solo quello di allungare i muscoli ma, tramite la ripetizione di specifici movimenti, di integrare questo stato di benessere nelle azioni della vita di tutti i giorni. Ad un corpo contratto, sofferente ed esausto ne succederà uno pieno di vita, autosufficiente, agile e pieno di energia.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino