Terzaetà su facebook

Metodo Feldenkrais

Questo sistema terapeutico fu messo a punto dal fisico Moshe Feldenkrais, che sfruttando le sue conoscenze scientifiche, la sua formazione nelle arti marziali e un incidente al ginocchio, che gli creò notevoli problemi, elaborò un metodo pratico di lavoro sul corpo che illustrò nel 1949, nel trattato "Il corpo e il comportamento maturo". Dopo anni di lavoro pratico su migliaia di pazienti, si dedicò all’insegnamento del suo metodo negli Stati Uniti, in Europa e in Israele.

Il Metodo Feldenkrais è uno specifico processo di apprendimento, basato sulla profonda integrazione tra movimento, sentimento, sensazioni e pensiero. La sua singolarità è data dall'uso del movimento come mezzo di comprensione e conoscenza di se stessi. Per Feldenkrais lo stato di salute è la capacità dinamica di scoprire un nuovo equilibrio dopo che un trauma o una malattia hanno spezzato il precedente.

Può essere praticato da persone di ogni età e in qualsiasi stato fisico che abbiano voglia di allargare le proprie conoscenze e perfezionare il proprio portamento, oltre a tutti coloro che utilizzano il proprio corpo come strumento di lavoro e di espressione: ballerini, attori, musicisti, atleti e artisti.

Mediante sequenze di movimenti semplici, insoliti e piacevoli, somiglianti a quelli di un bimbo che impara per la prima volta a muoversi nel campo gravitazionale, il Metodo Feldenkrais fa risvegliare la curiosità e l'interesse nei confronti di se stessi, liberando l’individuo da schemi posturali e di movimento involontari e ripetitivi. Inoltre, stimolando il funzionamento di muscoli mai sollecitati, insegna a "riorganizzare" i propri movimenti per muoversi in modo più armonioso ed efficace. Permette poi la ripresa dello sviluppo delle strutture nervose e accresce la nostra capacità di scegliere con libertà come agire e come essere. Conquistare una migliore organizzazione delle funzioni molte volte aiuta ad eliminare i disturbi.

L’insegnante Feldenkrais non ha come obiettivo quello di curare, ma di offrire al praticante, nel corso delle lezioni, condizioni di apprendimento che si trasferiscono naturalmente e progressivamente nella vita quotidiana, accrescendo e migliorando le personali forme espressive.
Riportare, infatti, consapevolezza nelle parti del corpo bloccate e "dimenticate", permette di rimuovere le tensioni e ristabilire la libertà di movimento, la funzionalità dell’azione e il benessere fisico.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino