Terzaetà su facebook

Osteoporosi

Definizione

L'osteoporosi è la malattia ossea più diffusa e colpisce maggiormente il sesso femminile dopo la menopausa. Ha una incidenza maggiore fra i 51 e 75 anni per le forme postmenopausa e senili, quella idiopatica può colpire anche in giovane età.

Cause

1. Perdita di equilibrio tra le cellule che producono materiale osseo (osteoblasti)
e quelle che lo riassorbono (osteoclasti).

2. Aumento degli ostoeclasti, e/o diminuzione del loro lavoro, oppure calo degli osteoblasti, e/o diminuzione del loro lavoro, incremento del deterioramento osseo, quindi osteoporosi.

Alcuni fattori aumentano il rischio di Osteoporosi:

• Età ( > 50 anni );
• Malattie ereditarie metaboliche / endocrine;
• Carenze ormonali;
• Dieta carente di calcio, vitamina D, proteine, vitamina C;
• Alcol, fumo, basso peso corporeo, inattività fisica;
• Alcuni farmaci (Eparina, Metotrexate, Glicocorticoidi);
• Tumori del midollo osseo.

Sintomatologia e diagnosi

Inizialmente asintomatica, per il 60% dei casi rimane tale nel tempo.
Le prime manifestazioni possono comparire con fratture (del femore, polso, vertebre dorso - lombari).
Solitamente il dolore è tipico a livello della schiena e del bacino.

Tutte le donne con età superiore ai 65 anni, dovrebbero sottoporsi a Densitometria ossea total body. Tale esame diagnostico deve essere effettuato in tutti i soggetti che dimostrino sintomatologia e/o fattori di rischio accertati per possibile osteoporosi.

Alcuni esami di laboratorio sono fondamentali per porre diagnosi:
• Calcemia, fosforemia, paratormone, cortisolo, ecc.;
• Marcatori di riassorbimento osseo;
• Marcatori di formazione ossea.

Terapia e profilassi

Stabilizzazione della degenerazione ossea e tentativo di ricostruzione ossea più trattamento del dolore:

• Integrazione della vitamina D, di Calcio, di Fosforo, di Magnesio, di vitamina C, del complesso vitaminico B;
• Antiriassorbitivi come i Bifosfonati + TOS (terapia ormonale sostitutiva);
• Somministrazione di farmaci che stimolano gli osteoblasti e inibiscano gli
osteoclasti;
• Trattamento del dolore osteo - muscolare con FANS e/o Oppiacei;
• Terapia chirurgica nelle fratture (se possibile).

Praticare attività fisica periodica (movimento leggero atto a non causare dolore).
Una dieta completa ricca di calcio con assunzione di vitamina D (latte, formaggio, verdura e frutta).
Alimentazione tendenzialmente ricca di proteine.
Esposizione solare per almeno mezz'ora al giorno.

Dott. Nerino Giacometti

Articolo aggiornato a Marzo 2011

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino