Home > Terzaet@ News > Italia terra di centenari!

 

ITALIA TERRA DI CENTENARI!

 

Dai dati dell'ultimo censimento risulta che è la Sardegna la terra più vecchia del mondo. Qui, infatti, sono ben 222 gli ultra-centenari, su una popolazione totale di un milione e 600mila abitanti. Una percentuale straordinaria, che farebbe venir voglia a chiunque di trasferirsi immediatamente nella terra dei quattro mori. Dove, a quanto pare, aria, mare e spiagge, fanno parecchio bene alla longevità. A renderlo ancora più evidente poi, è anche l'inconsueto rapporto tra ultracentenari/ultracentenarie: se in buona parte del mondo occidentale solitamente la media oscilla tra 1:4 e 1:7 a favore del gentil sesso, nell'isola dallo splendido mare, questo rapporto arriva addirittura a 1 a 2. Ancora più evidente è il caso della provincia di Nuoro, dove il rapporto è addirittura di piena parità fra uomini e donne longevi: 1 a 1. Non solo. Nella Sardegna interna, in contrasto con quanto succede nel resto del mondo, la mortalità maschile degli ultraottantenni è addirittura inferiore a quella femminile.

 

Secondo gli studiosi, però, la predisposizione degli abitanti dell’isola ad una vita lunga e sana deriverebbe solo per il 30 per cento dal patrimonio genetico. A fare la differenza fra la Sardegna e l'intero Belpaese, sarebbe invece lo stile di vita, che darebbe ai sardi un buon 50 per cento di probabilità in più di superare la soglia del secolo.  

 

Ma, quanto a centenari, non è da meno neanche il Piemonte. Nella regione della Mole Antonelliana, infatti, gli ultracentenari sono un vero e proprio patrimonio. Nella sola provincia di Torino, per esempio, i nonnini e le nonnine che hanno spento già le fatidiche 100 candeline sono 128, di cui solo 16 uomini e ben 112 donne.  

 

Anche il Cilento, ridente località in provincia di Salerno, però, non scherza, in fatto di longevità. Basta prendere ad esempio un piccolo paesino della regione di nome Gioi, dove abitano la bellezza di sette centenari, numerosissimi novantenni e ottantenni e parecchie persone fra i 60 e i 70 anni. Se si guarda in faccia questi vecchietti arzilli, tutti sembrano più giovani di molti anni. Tanto che un'equipe di scienziati ha deciso di studiare il genoma degli abitanti del paese campano, perché, a quanto pare, gli abitanti di Gioi sarebbero possessori di un raro patrimonio genetico rimasto immutato nel corso dei secoli e quindi particolarmente puro. Non guastano alla longevità, però, anche lo sfondo scenografico del Parco nazionale, 180mila ettari di faggi, castagni e pini di Aleppo, e l'alimentazione, con cibi particolarmente semplici e genuini.  

 

La scelta di popolazioni con particolari caratteristiche genetiche da parte di scienziati di tutto il mondo potrebbe dare risposte all'individuazione dei geni responsabili di diverse malattie. La ricerca indaga solitamente su malattie degenerative come il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer, malattie cardiovascolari, asma, allergie alimentari e respiratorie, malattie autoimmunitarie.

 

 

Marco Fasolino

 

 

DALL'ARCHIVIO DI TERZAET@.COM


 

Donne italiane sempre più longeve, ma per loro si prospetta una vecchiaia di stenti

 

 

E' l'Italia il Paese più vecchio del mondo

 

 

Elisir di lunga vita: test su cinquemila sardi

 

 

Italiano scopre il segreto della longevità

 

 

2050: Cinque milioni di italiani in meno

 

 

Alle italiane la palma della longevità

 

 

L'età matura e la longevità nella donna

 

 

Nei geni il segreto della longevità

 

 

Ultracentenari: ogni 10 anni raddoppia il numero

 

 

Terza età: sempre di più, sempre più giovani!

 

 

 

 

 

© terzaet@.com 2000. Tutti i diritti sono riservati