Home > Terzaet@ News > Pensioni News > Il libretto di pensione

 

 

IL LIBRETTO DI PENSIONE

 

Il libretto di pensione è l'unico documento valido per riscuotere la pensione presso la banca o l'ufficio postale. Al libretto di norma deve essere applicata una fotografia autenticata; in caso contrario è necessario presentare presso l'ufficio pagatore, insieme al libretto, anche un documento di riconoscimento valido (carta di identità, passaporto, patente di guida, ecc.). 

 

Nel libretto vengono riportati i dati più significativi relativi alla pensione, quali importo mensile, ufficio pagatore, categoria della pensione, numero di certificato, etc. All'inizio di ogni anno l'INPS provvede a rinnovare questa parte del libretto (cosiddetto mod. Obis/M) e a consegnarla al pensionato tramite l'ufficio pagatore o ad inviarla al suo domicilio per consentirgli di controllare, tra l'altro, l'esattezza delle rate spettanti (mensili, semestrali o annuali) e delle detrazioni di imposta.

 
Il nuovo modello Obis/M, emesso dal mese di gennaio 2001, riporta tutte le informazioni relative alle pensioni INPS corrisposte al singolo pensionato ed indica:

  • la perequazione automatica applicata sulla pensione;

  • gli importi mensili lordi con le variazioni previste nell'anno;

  • gli importi mensili netti anche in Euro;

  • le ritenute erariali comprese le addizionali e l'aliquota massima applicata;

  • le detrazioni di imposta;

  • le quote asscociative;

  • la trattenuta giornaliera per l'incumulabilità con l'attività lavorativa;

  • eventuali recuperi.

L'importo netto della pensione viene indicato in Lire ed in Euro. 
In caso di furto o di smarrimento del libretto il pensionato è tenuto a chiedere il duplicato alla propria sede INPS; quando al libretto è applicata la fotografia autenticata il pensionato deve anche presentare una denuncia all'autorità di pubblica sicurezza. 

 

 

 

© terzaet@.com 2000. Tutti i diritti sono riservati