Terzaetà su facebook

Servizi socio assistenziali

PRONTO SOCCORSO

Il Pronto soccorso è un servizio di emergenza e urgenza operante in tutti i presidi ospedalieri 24 ore su 24 a cui il cittadino può ricorrere tramite accesso diretto o con i mezzi di soccorso del 118. In caso di necessità il cittadino può rivolgersi alla struttura presente nel luogo in cui si verifica l’evento morboso o a quella più vicina alla propria residenza, oppure alla struttura con più componenti specialistiche, compreso un reparto geriatrico, a cui gli stessi sanitari possono ricorrere per un consulto. Il costo del servizio di Pronto soccorso è a carico del Servizio Sanitario Nazionale anche se le Regioni o le stesse strutture ospedaliere, per evitare il ricorso improprio ai servizi di emergenza, possono prevedere il pagamento di un ticket per le prestazioni che non rivestono il carattere di urgenza.

Ogni struttura è competente per territorio e per livello di cure e, sotto il profilo organizzativo, comprende il: pronto soccorso, dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA) di I e II livello.

Il Pronto soccorso fornisce i servizi di urgenza e di emergenza a seconda delle specialità del presidio ospedaliero in cui è attivo, che generalmente comprendono diagnostica strumentale e di laboratorio, medicina e chirurgia generale, anestesia, rianimazione, ortopedia, traumatologia, pediatria, ginecologia; assicura la stabilizzazione del paziente nella divisione più adeguata o il suo trasferimento in strutture più specializzate.

Il DEA serve un numero maggiore di utenti ed assicura, oltre ai servizi di emergenza e di urgenza tipici del Pronto soccorso, interventi terapeutici e diagnostici più specialistici. In particolare, il DEA di I livello include anche interventi di rianimazione con terapia intensiva, di medicina di urgenza e il centro trasfusionale; inoltre cura i contatti con gli ospedali sedi di Pronto soccorso e di DEA di II livello. Il DEA di II livello assicura interventi ancora più specialistici come la neurochirurgia, cardiochirurgia, chirurgia toracica, chirurgia vascolare, terapia intensiva neonatale, unità grandi ustioni e spinali.

Presso ogni struttura dovrebbe essere operativa una fase di prima accoglienza consistente nella valutazione clinica e di indirizzo effettuata dal personale infermieristico. Inoltre, nelle zone ad alta densità turistica, possono operare dei centri di primo soccorso che offrono un primo intervento medico.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino