Terzaetà su facebook

Servizi per la demenza

Centro diurno

Il centro diurno è un servizio di accoglienza a carattere semi-residenziale rivolto ad anziani non autosufficienti, affetti da demenza di lieve e media intensità, che necessitano di assistenza o di riabilitazione e di potenziamento delle restanti capacità cognitive. In Italia esistono poche strutture, generalmente in fase di verifica.

I centri diurni forniscono un servizio educativo, riabilitativo e sociale al fine di allungare e migliorare la qualità di vita dei pazienti e di alleviare il peso del carico assistenziale per la famiglia. 

Un centro diurno accoglie generalmente da un minimo di dieci ad un massimo di venti pazienti e può essere strutturato in funzione della gravità della demenza. Infatti, i malati meno gravi disporranno di un ambiente ricco di stimoli, analogo a quello domestico, oltre che di attività in maggior parte di tipo riabilitativo, allo scopo di rendere più lento il decadimento cognitivo. 

Per i malati di grado medio, che andranno sorvegliati più attentamente, sono necessari invece ambienti grandi e semplici e di attività in prevalenza di tipo assistenziale, rivolte ai bisogni primari e caratteristici di ogni soggetto.

Molteplici sono le prestazioni fornite dal centro diurno: assistenza infermieristica, sostegno psicologico, interventi di carattere riabilitativo, alimentazione con diete personalizzate, igiene personale, attività ricreative, occupazionali e di animazione, collaborazione con i familiari del paziente.

Le modalità di accesso nei centri pubblici o accreditati, variano secondo le disposizioni emanate dalle singole Regioni. In genere l'accesso nelle strutture pubbliche avviene in seguito alla valutazione del paziente attraverso l’UVG e un colloquio con i suoi familiari.

Le tariffe cambiano a seconda della Regione e vengono stabilite dal Comune di pertinenza della struttura pubblica, trattandosi essenzialmente di assistenza sociale e il costo per ogni paziente varia in funzione del suo reddito familiare.


Consigliato da Terzaet@.com:
http://www.cda-asl3.it

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino