Terzaetà su facebook

Dare un senso alla Qualità della Vita delle persone anziane


Torna a Terza Età News Terza Età News


Dare un senso alla Qualità della Vita delle persone anziane

Un nuovo strumento di controllo affiancato a soluzioni reali elaborate dai ricercatori aiuta le comunità di assistenza a lungo termine a creare ambienti "sensoriali" per gli anziani con disabilità uditive e visive, con alterazioni del gusto, dell'olfatto e del tatto.

Sodexo, leader mondiale nei servizi che migliorano la Qualità della Vita, e l'Università di Ottawa Life Research Institute hanno pubblicato il primo studio completo su come i cinque sensi impattano la qualità della vita di coloro che vivono in comunità di assistenza a lungo termine. Tutti e cinque i sensi possono diminuire con l'aumentare dell'età, e "Come e Perché i cinque sensi sono importanti per la Qualità della Vita: guida per le comunità di assistenza a lungo termine" rivela l'importanza di comprendere le disfunzioni sensoriali quando si progettano ambienti per anziani, sia a domicilio che nelle comunità di assistenza a lungo termine.

Una ricerca pubblicata dal Journal of the American Geriatrics Society dimostra che la rapida crescita della popolazione anziana nel mondo è però accompagnata da una scarsa consapevolezza sulle conseguenze negative che le disfunzioni sensoriali hanno sugli anziani che vivono in comunità di assistenza a lungo termine. Infatti, il 94% delle persone sperimenta una diminuzione di almeno uno dei loro sensi con il progredire dell'età.

Considerando questa realtà, lo studio Sodexo-Ottawa ha presentato alcune strategie per la creazione di ambienti attenti alla sensorialità per agevolare le cure rivolte alle persone anziane.

Ad esempio:
• Gli anziani con ridotta capacità visiva possono avere difficoltà a distinguere colori simili, per questo motivo le comunità di assistenza a lungo termine potrebbero utilizzare colori ad altro contrasto per rendere più visibili diversi punti ed aree.
• L'olfatto può diminuire con l'età e influenzare la percezione del gusto. La creazione di una zona cucina aperta aiuta i residenti a sentire meglio l'odore del cibo - con la conseguente stimolazione dell'appetito.
• Le difficoltà uditive potrebbero rendere difficoltosa la partecipazione alle conversazioni. Ridurre al minimo il rumore di fondo proveniente dagli impianti di riscaldamento e condizionamento, dagli apparecchi usati per le pulizie potrebbe rendere più facile udire ciò che dicono le altre persone.

"Le cure efficaci devono cominciare dall'empatia", ha dichiarato Marc Plumart, CEO di Sanità & Seniors a livello mondiale di Sodexo. "Questo studio aiuta coloro che gestiscono le cure presso i centri di assistenza agli anziani a mettersi nei panni dei loro residenti per comprendere come essi sperimentano il mondo - che è diverso per le persone con disfunzioni sensoriali. Attraverso la conoscenza delle loro esigenze, si possono progettare servizi e ambienti per migliorare la Qualità della Vita".

In aggiunta alla guida, il team di ricerca ha sviluppato uno strumento di controllo per aiutare le comunità di assistenza a lungo termine a valutare e migliorare il loro livello di attenzione alla sensorialità. Questo strumento è un utile e pratico modo per valutare la qualità della vita attraverso le percezioni dei residenti, l'ambiente fisico e le politiche e procedure esistenti. Questo strumento comprende una serie di domande differenziate per i residenti, i loro familiari, il personale clinico, tecnico e amministrativo.

"La sanità oggi è complessa, ma molte risposte si trovano nel prendersi cura delle necessità delle persone - e di come queste siano influenzate dal calo delle loro percezioni sensoriali", ha affermato Hélène Perrault, Professore e Dottore della Facoltà di Scienze della Salute dell'Università di Ottawa. "Questo strumento di guida e di controllo fornirà agli utenti benchmark e strategie per monitorare l'impatto della perdita delle percezioni sensoriali sulla qualità della vita".

 

Redazione Terzaeta.com
Rubrica Viaggiamo

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bologna n. 7706 del 27.10.2006 - Direttore Responsabile: Marco Fasolino